24 July 2013

"ESTATEDOC" 2013

FEDELE ALLA LINEA il documentario su Giovanni Lindo Ferretti diretto da Germano Maccioni

Cultura Cinema - ingresso gratuito
ESTATEDOC 2013
BOCA BARRANCA - BOCADOC
Marina Romea - ore 21:30
un progetto D.E-R - Documentaristi Emilia-Romagna
con la partecipazione e il sostegno dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna
a cura di Fabrizio Fantini in collaborazione con LaDamaSognatrice e l'ARCI Ravenna
L'unica rassegna di documentari in spiaggia su tutta la riviera
Inizio ore 21,30

FEDELE ALLA LINEA

www.facebook.com/fedeleallalineailfilm

Il nuovo lavoro di Germano Maccioni ruota attorno alla figura di Ferretti: cantante, autore e pensatore contemporaneo, che in trent’anni di carriera non ha mai smesso di scatenare opinioni e posizioni contrastanti. Non un documentario musicale, non un documentario biografico, ma un dialogo intimo tra lui e il regista, legati da un rapporto di amicizia riconducibile agli anni in cui Ferretti, maestro “di una bottega in senso medievale di musica e comunicazione”, ha avuto Germano Maccioni – e con lui buona parte della produzione –, tra i propri allievi.

Ferretti apre le mura della sua casa, sull’Appennino reggiano e racconta a cuore aperto un intero arco esistenziale: da Cerreto Alpi alla Mongolia, attraversando il successo, la malattia e lo sgretolarsi di un’ideologia. Il ritorno a casa infine, tra i suoi monti, per riprendere le fila di una tradizione secolare che l’artista sente il dovere di tramandare. Sullo sfondo il suo ultimo ambizioso progetto, Saga. Il Canto dei Canti, opera epica equestre che narra il legame millenario tra uomini, cavalli e montagne.

Pensiero politico-intellettuale forte e attitudine punk, cristianesimo e comunismo, musica popolare e letture salmodianti, palcoscenico e stalla: questioni esistenziali e storie famigliariche tratteggiano un percorso anticonformista, coerentemente controcorrente. Le parole di Ferretti – parlate, urlate, cantate, recitate – in relazione con la fisicità maestosa e l’animalità pura dei cavalli, testimoni di una nuova progettualità e al contempo fulcro di sue scelte passate, in un controcanto estetico costante.

Il racconto non poteva prescindere dal reperimento di preziosi contributi d’archivio: inedite immagini dei CCCP Fedeli alla linea nella Berlino degli anni del Muro, scatti dei primi concerti concessi da Umberto Negri (tra i fondatori del gruppo con Ferretti e Zamboni), vhs mai visti recuperati all’interno del Fondo Valdesalici, foto di famiglia, estratti del film di Luca Gasparini, Tempi moderni, sequenze del viaggio in Mongolia tratte da Sul 45° parallelo di Davide Ferrario, fino ad arrivare ai suoni e alle immagini dell’attuale tour A Cuor Contento.

Il documentario – realizzato con il contributo di Emilia-Romagna Film Commission e Toscana Film Commission –, è distribuito da Cineteca di Bologna, al fianco della stessa produzione, Articolture in associazione con Apapaja di Simone Bachini, già produttore de Il Vento fa il Suo Giro, L’Uomo che Verrà eil recentissimo Un giorno devi andare, di Giorgio Diritti.